UN AFFETTO, di Tiziana Valori

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

UN AFFETTO, di Tiziana Valori

UN AFFETTO

Guardarti e basta, amore.
E come credi che mi senta? Mi sembra di stare anch’io in prigione.
Cerca di capirmi e di amarmi ancora più di quando eravamo liberi e felici.
Tu in una cella hai un compagno e, da come ti conosco, pochissimo propenso a una vita casta e morigerata, ve la spassate senza che nessuno vi rompa … l’incantesimo. Io, da quando sei dentro, ho sempre vissuto da sola e la solitudine mi pesa più di una detenzione. Vedi quindi che ci ho rimesso più io di te per quella beneamata truffa, di cui vuoi continuare a considerarmi l’ideatrice.
Pensa che mi sento tanto avvilita da aver rinunciato anche a farti visita. Io solo a guardarti da dietro un vetro senza, non dico un bacio, ma nemmeno poterti toccare, mi avvilisco anche di più. E mettiamo anche il viaggione che devo…

View original post 81 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...