Poesia genovese

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

L’autrice, Anna Rranciscolo, ha 80 anni e propone questa poesia in dialetto genovese, dolce e musicale, per ricordare le nostre origini e non dimenticare le bellissime emozioni che sa tramettere ogni dialetto.

Rattín, pullin
Fagottu piccin,
Scufïeta de pizzu
E fasceue de lin,
Ganasce de reuza
T’e propriu ûn pumin,
Eugetti de muïa
Che rían cü bucchin.
Balletta,battuzu
Fregouggia de pän,
Ti cianzi, ti rii,
Ti me porzi a man.
Te spremmu
E te baxio
Te strenzu in sciu cheu…
T’é a cosa ciú bella.
Tí t’e o mae figgeu💖💖

Traduzione

Topino pulcino

Fagotto piccino
Cuffietta di pizzo

E fasce di lino
Gote di rosa
Sei proprio un bocciolino
Occhietti di mora
Che ridono con la boccuccia
Pallina discoletto
Briciola di pane
Tu piangi e ridi
Mi stringi la mano
Ti spremo ti bacio
Ti stringo sul cuore
Sei la cosa più bella
Sei il mio bambino..

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...