La “dieta da caffetteria” produce cambiamenti neoplastici al cervello

ORME SVELATE

Spesso ci si PS_20170909155223.jpegchiede come mai tendiamo ad appagare i dispiaceri con particolari tipi di cibo e soprattutto ci sembra che per quanto possiamo sentirci pieni non raggiungiamo mai un appagamento cerebrale completo. La risposta potrebbe darcelo uno studio spagnolo-francese, diretto da Gutiérrez-Martos M, pubblicato in questi giorni sulla rivista Addiction Biology, che afferma che la cosiddetta “cafeteria diet” induce modificazioni neuroplastiche nel nucleo accumbens. Questo tipo di dieta, caratterizzato da alimenti ad alta densità energetica come biscotti, cereali, formaggi, carni trasformate, cracker, ecc., favorisce l’iperfagia volontaria che provoca un rapido aumento di peso, aumenta la massa del grasso e parametri prediabetici come l’intolleranza al glucosio e all’insulina. L’incidenza di sovrappeso e obesità è di proporzioni epidemiche in tutto il mondo con più di 1.9 miliardi di adulti in sovrappeso nel 2008. L’obesità aumenta il rischio di un ampio spettro di malattie tra cui il diabete di tipo 2, l’ipertensione…

View original post 284 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...